Grotta Leuca Porcinara

La grotta Punta Ristola  per molti secoli è stata la funzione di Santuario messapico, greco ed infine latino. Insieme a punta Meliso (altra grande area sacra), hanno fatto diventare Leuca una grande area di culto pagana e cristiana, conosciuta in ogni parte del mondo ed approdo obbligatorio di popoli con culture e religioni diverse. La grotta costituiva in passato solo uno dei tanti luoghi di culto, posti sulla costa adriatica del Capo, nei quali venivano venerate le divinità locali chiamate dai devoti con nomi tipicamente locali. 

Grotta Leuca del Diavolo

E’ stata chiamata così perché si diceva che emetteva dei cupi rimbombi che rimandavano nella fantasia popolare a dei diavoli. La grotta è divisa in tre porte: l’ingresso principale, situato a 16 mt sopra il livello del mare che immette in un vestibolo leggermente sottoposto; la parte centrale che termina dopo circa 20 mt in un vestibolo inferiore che man mano declina quasi a raggiungere il livello del mare; l’atrio che si restringe sempre più fino ad aprire due vie che portano al mare. Recentemente sono state rinvenute una serie di utensili e armi di selce o di ossa, ceramiche larve di molluschi risalenti al Neolitico.

Grotta Leuca del Presepe

E' chiamata così per le sue somiglianze allo scenario biblico ed è formata da una serie di archi bassi che possono essere oltrepassati solo quando il mare è calmo.

Grotta Leuca delle Tre porte

E' costituita da tre grandi aperture simili a delle porte, che lasciano intravedere un’immensa cavità. Sulla parete nord del vano interno alla grotta c’è un cunicolo che termina dopo circa 30 mt in un’ampia camera con stalattiti e stalagmiti. In questa, fu ritrovato un molare superiore sinistro di un bambino di circa 10 anni risalente all’età neandertaliana. Nel cunicolo invece sono stati ritrovati resti di rinoceronte, elefante antico e cervo.

Grotta Leuca Cazzafri

“Casa di spuma” è il suo nome di origine greca Prende questo nome forse dalla schiuma che le onde producono infrangendosi sulle sue rocce. L'accesso è consentito solo in barca per godere di un’immensa volta ricca di stalattiti. Entrando si può ammirare un poggiolo permette un breve approdo. Ciò che colpisce maggiormente del loro aspetto è la mano della natura che sembra aver disegnato gli archi d’entrata, il mare cristallino e i colori delle rocce.

Antiche Macine

Antiche Macine è tra i B&B Salve e B&B Pescoluse con ottima qualità prezzo. Nello specifico è sito nella fraz. di Ruggiano, un piccolo borgo rurale dove vige la tranquillità e le bellezze naturali. La struttura è situata in un punto strategico tranquillo e distante circa 5/10 minuti dalle Spiagge di Pescoluse (anche chiamate Maldive del Salento), Santa Maria di Leuca, Torre Vado, circa 20 minuti da Gallipoli e 12 minuti dalla spiaggia di Torre San Giovanni. Nella pagina web si possono visionare Appartamenti Torre Vado e info sull'azienda agricola olearia.

B&B Antiche Macine del Salento - Via Mazzini - Angolo Via Manzoni, 2A - 73050 Ruggiano di Salve (LE) - Partita Iva: 04715440758

Azienda Agricola Olearia Romano - Via A. Manzoni, 44 - 73050 Ruggiano di Salve (LE) - Partita Iva: 00891640757

©2018 Antiche Macine. All Rights Reserved.

Web Developed by: INNOVAMIND

Privacy Policy Cookie Policy